www.flickr.com
photos in People reading- Comment as many as you add
IL BLOG DEL GRUPPO DI LETTURA HA CAMBIATO CASA; IL NUOVO INDIRIZZO è http://gruppodilettura.wordpress.com/

« Home | il gdl della biblioteca di cervia ha raccontato _m... » | no pago di leggere, un anno dopo » | prestito a pagamento in biblioteca. un anno dopo » | jonathan franzen, _le correzioni_; appunti di andr... » | free mojtaba and arash: liberta' d'informazione! » | la liberta' eguale (libri novita') » | l'epoca delle passioni tristi, altri spunti _ di a... » | noi leggiamo come i "commentatori ufficiali" _ di ... » | jonathan franzen, le correzioni, secondo vera » | Jonathan Franzen. _la discussione su _ Le correzio... »

Le correzioni, un grande libro

_Le correzioni_ mi è sembrato un *grande libro* .

Perché? Perché ha il coraggio di abbracciare una grande porzione di vita, storie individuali e famigliari, mettendoci moltissime informazioni 'enciclopediche' sul mondo contemporaneo (chimica del cervello, mercati finanziari, gestione di un ristorante di lusso, cucina, farmacologia, ingegeneria ferroviaria, singulti di un paese baltico in cerca di identità politica ecc.), e questo, lo sappiamo, ci aiuta a leggere come se leggessimo delle vite vere, come se fossimo dentro il mondo che ci viene raccontato.



Ma sono soprattutto *i personaggi* a legarci al libro, così veri, capaci di farci toccare l'umanità, le passioni, le piccinerie, le fissazioni, i rancori, i rimpianti, le incertezze, le assurdità, gli slanci emotivi, le paure ecc.


Forse solo il personaggio di Denise pare un po' "artificiale", forzato nei suoi tratti, meno credibile, in alcune pagine sembra derivato da una tesi, non scaturisce naturalmente.



[certo non mancano probabilmente altri difetti, io però li lascio perdere]



Come hanno scritto alcuni critici (per esempio James Woods sul _Guardian_ del 9 novembre 2001 ,

_Le correzioni_ è un romanzo che tiene insieme il gusto per il realismo sociale alla Dickens e l'attenzione per i legami e le caratteristiche, anche molto precise e dettagliate, specifiche dell'epoca contemporanea, tipica degli scrittori alla Don De Lillo.



Solo che in Franzen, come nel romanzo ottocentesco, la presenza dei personaggi, la loro umanità è trascinante, è il vero motore del libro, cosa che in molta narrativa contemporanea americana sembra mancare: più fredda, distaccata, lontana dal cuore o incapace di farci 'leggere con la schiena' (il brivido del piacere di cui parla Nabokov a proposito di Dickens).



Franzen ha avuto molto coraggio nell'affrontare una tessitura così ampia, nell'obbligarci a *esporci emotivamente* nei confronti dei personaggi.



Esemplare mi sembra la figura di Alfred, quasi un *termometro emotivo del rapporto lettore/libro*.



Nelle prime pagine lo vediamo già avanti con gli anni e ammalato, con gli intralci che una malattia nervosa comporta; suscita simpatia, a volte qualche sorriso, un po' di pietà. La moglie lo assilla, nega la gravità della patologia, dice che se non si lasciasse andare potrebbe fare una vita normale. Alfred lo sentiamo vicino.

Poi però i vari flashback lo mostrano chiuso in se stesso, tutto dedito al lavoro, con l'amore trasmesso ai figli solo a intermittenza, lontano affettivamente e sessualmente dalla moglie: e allora prendiamo le distanze da Alfred.



Poi, nelle ultime pagine, la crociera e l'aggravarsi della malattia, ma soprattutto il legame affettivo con la figlia Denise (che ci fa anche scoprire come la natura riservata dell'amore di Alfred per i figli avesse impedito loro di conoscere veramente il padre) e ancor più il trasporto disinteressato per Chip, ci riavvicinano a Alfred, che è, oltre che il personaggio centrale del romanzo, anche quello emotivamente più "nostro", vicino e probabilmente più sviluppato artisticamente.



:::....Chip purtroppo, credeva che Alfred amasse i suoi figli solo nella misura in cui avevano successo. Chip era così impegnato a sentirsi incompreso da non accorgersi di quanto poco lui stesso comprendesse suo padre. Per lui, il fatto che Alfred fosse incapace di dimostrargli affetto era la prova che non sapeva, o non gli importava chi fosse. (pag. 554, nel capitolo Un Ultimo Natale)::::...



Adesso Alfred, nella fase più acuta delal malattia vuole essere aiutato da Chip, comunica con Chip: è il momento della sua vita nel quale - paradossalmente visto che ha un Parkinson in fase avanzata - più comunica con il figlio.



Infine, mi sembra che _Le Correzioni_ ancora più che al libro di Ginsborg (benché Ginsborg citi due volte pagine di Franzen) si leghi a doppio filo a _L'epoca delle passioni tristi_.

Io ho trovato un richiamo fortissimo per esempio a quanto viene detto da *Miguel Benasayag e Gérard Schmit* in una delle ultime pagine a proposito del _destino_ nel quale dobbiamo vivere, dando forza ai legami; quindi nessun fatalismo ma nemmeno fuga (vado a memoria perché non ho il libro sottomano e, avvertitemi se sto prendendo un granchio). Forse nella prossima discussione potremo accennare anche a questo.



ciao a tutti



_L



Categorie: , ,



*tag*
:::
::::

Where did you find it? Interesting read » » »

Posta un commento

Links to this post

Crea un link

gruppodilettura@gmail.com
INCONTRO NAZIONALE
DEI GRUPPI DI LETTURA,
30 settembre Arco di Trento

Prossimi appuntamenti GDL
I consigli di lettura per l'estate
I libri che abbiamo letto

Ultimi post pubblicati

Google
Web gruppodilettura




Subscribe in Bloglines

il blog del Gdl via email

Grazie a FeedBurner


Home page



Il sito della Biblioteca di Cologno Monzese
Il sito della Biblioteca di Cervia
Il forum dei lettori della biblioteca di Cologno
Associazione amici della biblioteca di Cologno

QUEL CHE FANNO GLI ALTRI
Libridine, gruppo italiano on line
Gruppo di lettura, a Cervia
+Il gruppo di lettura della Biblioteca Provinciale "A. C. De Meis" di Chieti
Gruppo di lettura "Tra le righe", a Reggio Emilia
Leggendo Leggendo, gruppo di lettura a Piacenza
Scuola Blog, Piacenza
Gruppo di lettura a Trento
Il GdL della Biblioteca di Melegnano
Il GdL della Biblioteca di Segrate
"Luogo Comune", il GdL di Vignate
Il GdL della Biblioteca di Novate Milanese
"Il salotto della poesia", il GdL della Biblioteca comunale di Arese
BombaCarta
Blottagono
Blog dei circoli di lettura
Il Gruppo di lettura di Rozzano (MI)
Lettori accaniti
Bookclub, Roma
Lanternati
Il gruppo di lettura del Guardian
I gruppi del New York Times
ALTRI BLOG
Il blog di Biblaria
Fogliedivite
Letture e riletture
Romanzieri.com
Il comodino del piacentino
Popinga
Marchitelli
Letturalenta
Cazzeggi letterari
Giulio Mozzi
Diritto e cultura
Booksblog
RedazioneVoland
Il blog di Grazia
The tentacle and the city
Arci bookcrossing, Torino
Alcuni autori di cui ci siamo occupati
Paul Auster
Camilla Baresani
Walter Benjamin
Miguel Benasayag
Erri De Luca
Jonathan Franzen
Paul Ginsborg
Milan Kundera
Nicolaj Leskov
Marco Lodoli
Antonio Munoz Molina
Vladimir Nabokov
Laura Pariani
Nuto Revelli
Lev Tolstoj
J. Saramago
W.G. Sebald

  • Google
  • Wikipedia
  • Firefox


  • Creative Commons License
  • I contenuti di _Gruppo di Lettura sono regolati da una licenza Creative Commons.
  • __FEED ATOM

  • Technorati Profile